download movies L' organizzazione...
Cral Roma...
Filmati On-line...
Centro studi...
Servizi agli iscritti...
Links utili...
Ritorna alla home page...Accedi alla tua casella di posta sul sito NazionaleRicerca nel webScarica Software UtiliI contatti FIMMG RomaEffettua il login per utenti amministratoti di sistema
319     
2484683     
21     
Iscriviti On-Line alla FIMMG ...Iscriviti alla MilingList...Area iscritti...Numero Verde FIMMG...Notizie in SMS...
  Area Privataoem softwarecheap Adobe Acrobat
· Il Mio Account
· Amministrazione
· Logout


 Accedi al modulo di richiesta   

12/2/2011: L'INTERVENTO DI SANDRO PRETOLATI (ANAAO) Membro della delegazione per la trattativa con Brunetta
LA SERATA SULLE CERTIFICAZIONI CON L'AVVOCATO CAROLEO
INTERVISTA DEL SEGRETARIO BARTOLETTI SU TELE RADIO STEREO 2 SUI CERTIFICATI ON LINE
PERCORSI IN SANITA' puntata del 16 dicembre 2010 ; interviste ai medici di famiglia sui certificati on line
PERCORSI IN SANITA' : CERTIFICATI ON LINE RISCHIO BLOCCO PER L'80 % DEGLI ACCOUNT PER I MEDICI








Immagine meteo (8 KB c.a.)
--
spacer.gif
spacer.gif   News: IL SOLE 24 ORE: IMPRESE E DATORI DI LAVORO, SUI CERTIFICATI DI MALATTIA AVVIO INCERTO
Inviato da: 6 di Mercoledì, 18 Maggio 2011 - 06:21 PM
  spacer.gif
 
Rassegna Stampa

Certificati online, avvio incerto
Andrea Carli 18 maggio 2011
MILANO
L'operatività del sistema di trasmissione telematica dei certificati di malattia diventa un rebus per le imprese. Per la Funzione pubblica, infatti, il periodo transitorio di tre mesi – terminato il quale il nuovo meccanismo entrerà a regime e i datori di lavoro privati non potranno più chiedere ai dipendenti di inviare la copia cartacea del certificato ma dovranno ricorrere ai servizi dell'Inps - è partito dal 18 marzo. Da quando, cioè, è stata pubblicata sul sito la circolare 4 firmata dalla stessa Funzione pubblica e dal ministero del Lavoro. Tra un mese esatto, dunque, il 18 giugno, le imprese dovranno aderire al sistema (si veda «Il Sole 24 Ore» del 25 marzo). Per le organizzazioni datoriali, invece, i tre mesi partiranno solo dal momento in cui la circolare, che è in attesa di registrazione presso la Corte dei conti, sarà pubblicata sulla «Gazzetta Ufficiale». Concluso questo periodo, e solo allora, le aziende dovranno garantire un adeguamento completo al nuovo sistema.
A sostegno della posizione ministeriale potrebbe esserci la legge 69/09: dal 2010 gli obblighi di pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi che hanno effetto di pubblicità legale si intendono assolti con la pubblicazione nei propri siti da parte delle amministrazioni. Ma questa disposizione può valere anche per la circolare della Funzione pubblica che, per esempio, non è stata ancora registrata?
Dubbi che lasciano le imprese davanti a un rebus. In generale, l'articolo 25 della legge 183/2010 (collegato lavoro), in vigore dal 24 novembre, ha uniformato il regime del rilascio e della trasmissione delle certificazioni per i casi di assenza per malattia dei dipendenti dei settori pubblico e privato, comprese le sanzioni nei confronti dei medici del Ssn eventualmente inadempienti. La circolare 4 del 18 marzo ha previsto l'obbligo per le aziende di utilizzare i servizi messi a disposizione dall'Inps, con conseguente esonero del lavoratore in malattia dall'invio dell'attestato (l'assenza va comunque comunicata in maniera tempestiva). «Onde assicurare un'applicazione omogenea della normativa - si legge nel documento firmato dai ministri per la Pa e del Lavoro - si ritiene opportuno precisare che, tenuto conto dell'esigenza di garantire l'adeguamento di tutti gli operatori al nuovo sistema, per tre mesi successivi alla data di pubblicazione della presente circolare, è riconosciuta comunque la possibilità per il datore di lavoro del settore privato di richiedere al proprio lavoratore l'invio, secondo le modalità attualmente vigenti, della copia cartacea dell'attestazione di malattia».
Questo quanto dicono le fonti. Per le aziende c'è, però, in primo luogo, un problema organizzativo: con la nuova procedura una o più persone dovrà essere dedicata alla gestione dei certificati, il che, nel contesto di una piccola e media impresa, non sempre è facile. Ancora: alcuni software utilizzati dai medici non sono compatibili con il «Sac», il cervellone che inoltra i certificati all'Inps; non tutti i medici hanno il Pin. La circolare di marzo, poi, ha previsto un comitato tecnico di monitoraggio di cui dovrebbero far parte, oltre ai rappresentanti dei ministeri e dell'Inps, anche quelli delle confederazioni sindacali dei datori di lavoro e dei medici di medicina generale comparativamente più rappresentative a livello nazionale. A oggi il comitato non si è riunito (secondo fonti ministeriali è in via di convocazione). Le organizzazioni datoriali sottolineano, poi, che la trasmissione telematica dei certificati medici e l'addio alla carta è la strada giusta, ma serve tempo per adeguarsi al nuovo meccanismo. Il periodo transitorio dovrebbe durare almeno un anno.

 
spacer.gif
spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif
invia mail | stampa news


home | News Lazio | Rassegna stampa | News Italia
  IL CERTIFICATO DELLA PATENTE
  CERTIFICATI ON LINE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI E LA NORMATIVA (1.3.2011)
  LE NOTE AIFA AGGIORNATE ON LINE
  RAPPORTO CEIS. SANITA' 2009
  LA PRESCRIZIONE DELLE PRESCRIZIONI SPECIALISTICHE AMBULATORIALI NUOVA EDIZIONE
  RINNOVO CENTRALIZZAZIONE PRESSO FIMMG ROMA DELLE ISTANZE DI RIMBORSO PER IRAP
  IL REGOLAMENTO DELLE NUOVE UCP-(2009)
  SPECIALE CERTIFICATI TELEMATICI INPS
  LA NUOVA MODULISTICA ENPAM
  TOS CONSENSUS CONFERENCE IL DOCUMENTO DEFINITIVO
  SOFTWARE PER IL DPS
  PRIORITARIE RECUP
  Nuove esenzioni Ticket (Lazio)
  LA NUOVA RICETTA SSN


© 2005 - 2022 APL Sistemi Srl   home